Skip links

Cultura

La cultura è una risorsa per il presente e per il futuro della città e in quanto tale deve essere promossa e sostenuta.
Per questo, vogliamo una città che faccia della cultura, oltre che occasione di aggregazione e socialità, un volano per l’occupazione e il turismo; uno strumento che rinforzi il tessuto sociale e lo spirito di comunità, migliorando di riflesso vivibilità e sicurezza di centro e periferie in un più ampio progetto di rigenerazione urbana.
Occorre dunque aumentare la qualità e la quantità dell’offerta, della produzione e della promozione culturale complessiva nella città, agevolandone la fruizione rimuovendo ostacoli di ordine fisico e sociale che siano di impedimento ad un accesso veramente inclusivo.
A tal fine, occorre allora disporre agevolazioni amministrative, semplificazioni burocratiche, promuovere la rivitalizzazione di spazi pubblici inutilizzati tramite uffici e sportelli dedicati, a concreto sostegno di occupazione e crescita di tutto il comparto.
Come coalizione, vogliamo quindi:

  • Attivare presidi socio-culturali diffusi e sostenere quelli già esistenti con finalità di aggregazione sociale e conseguente aumento di sicurezza del centro e dei quartieri periferici.
  • Mettere la cittadinanza al centro della proposta culturale, aprendo in orari diurni i mercati e i quartieri a letture, happening, teatro nelle sue possibili espressioni, come momenti etici di orientamento culturale.
  • Dotare di un indirizzo culturale Teatro Goldoni e Effetto Venezia, i musei della città, il sistema delle fortezze medicee, importanti realtà di promozione produzione e consumo culturale ridotte ormai a meri contenitori.
  • Dar vita a un Festival Mascagnano che porti la città nel circuito dei grandi festival musicali internazionali.
  • Creare occupazione con la pratica della cultura e attraverso la rigenerazione urbana, con la realizzazione di piccoli ecosistemi di animazione territoriale ed economica, a originare
    nuovi insediamenti produttivi da restituire all’imprenditoria locale, all’artigianato, alla ristorazione e al co-working.
  • Dotarsi di gruppi di lavoro stabili, inclusivi e formalizzati con cui lavorare alla progettazione regionale, europea e nazionale. Professionisti coinvolti organicamente nell’individuazione di risorse e opportunità da dedicare allo sviluppo culturale della città.
    In definitiva, vogliamo che Livorno possa creare le condizioni per raccontarsi al mondo, a partire dalla sua storia unica, dalle sue personalità illustri (dai Macchiaioli a Mascagni, da Modigliani a Ciampi), sia valorizzando le realtà già attive in questo senso che producendone di nuove.
    Contro chi vorrebbe farne una cittadina di provincia, chiusa e intimorita, noi vogliamo restituire Livorno al suo più autentico ruolo di città euro-mediterranea con una spiccata vocazione alla modernità e al contemporaneo.

Scarica tutto il programma per approfondire.